About the Post

Author Information

Cosa deve sapere un Copywriter sul Brand e sul Personal Branding

 

Solo pochi decenni fa, il Personal Branding, chiamato solamente Brand (marchio), era puramente una tecnica pubblicitaria creativa. A meno che non si era nel settore, si sarebbe potuto pensare del Personal Branding come a qualcosa per far muggire le mucche.

Ai nostri giorni, però, il Personal Branding, così come un Brand, sono un asset personale ed aziendale serio. Si possono fare i migliori cereali del mondo, ma se non si ha Kellogg stampato sulla scatola, si è in grave svantaggio. Dopo tutto, questo è il Brand che ha convinto la gente a mangiare corn flakes!… e a Mr. Kellogg l’onore di avere un Personal Branding forte.

Aziende come Virgin usano il loro Personal Branding, attraverso i proprietari (es: Richard Branson) ed i loro Brand ben noti, per vendere tutto: dalla musica ai telefoni cellulari ai biglietti aerei. La gente si fida del Brand così tanto che è disposta ad acquistare praticamente qualsiasi prodotto o servizio ad esso associato.

Uno dei più antichi Brand al mondo è Chiquita. L’azienda, nella sua prima incarnazione, ha cominciato l’esportazione delle banane in Nord America nel 1870. Oggi, è uno dei Brand più riconoscibili nell’industria alimentare. Ve la ricordate la signora dal bollino blu? Questo anche è Personal Branding.

Nel caso di Virgin, MGM, Apple, e molti altri, il Brand ha assunto una vita propria. Un Brand popolare può essere prezioso per una società come le sue risorse fisiche, come ad esempio edifici per uffici, impianti di produzione e reti di trasporto. Le aziende sono anche acquistate e vendute sulla forza dei loro Brand.

Che cos’è un Brand?

Un Brand e il Personal Branding sono una combinazione di tutte le cose buone che sono normalmente associate ad una persona, una società o il nome del prodotto – immagini, sentimenti, opinioni, idee e atteggiamenti. Quando si sente la parola Santal probabilmente si pensa al fresco, gustose arance o succhi di frutta. Quando si guida e si passa davanti ad una concessionaria Mercedes, la prima immagine che viene in mente potrebbe essere quella di un ricco uomo d’affari.

Affinche un Brand ed il Personal branding diventino prezioso per una persona o per una società, si deve ottenere il RAP, che sta per:

Riconosciuto – la persona, la società o il nome del prodotto è immediatamente riconoscibile, anche quando tutto quello che si vede è il logo o lo slogan.

Associato – la Persona, la società o il nome del prodotto suscita pensieri e sentimenti prevedibili. Ad esempio,  probabilmente si associa il Brand Mastro Lindo, di detergenti per la casa, con una cucina pulita e luminosa e ad un bagno limpido.

Preferito – la Persona, l’azienda o un prodotto non solo è riconosciuto dal suo target audience, che lo associa a cose buone, ma è anche preferito da queste persone. Essi tendono a selezionare il Brand rispetto ai suoi concorrenti, anche quando il Brand concorrente ha caratteristiche più desiderabili. La stessa cosa accade per il Personal Branding di un individuo.

Esiste un quarto punto di sviluppo del Personal Branding e del Brand, anche se gli esperti di marketing non si concentrano sul raggiungimento di esso. Questo è quando un brand diventa parte della cultura popolare o volgare di tutti i giorni. Ad esempio, se hai il naso chiuso, chiedi un fazzoletto di carta o un Kleenex? Se vuoi emergere ed essere scelto tu rispetto ai tuoi competitors chiedi di parlarti del Personal Branding o chiedi di parlare con Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi? Spiegato il concetto? Le persone vogliono fiducia, esperienza, innovazione, energia, pratica e contenuti.

La forza vendita di un Brand

Perché le aziende e le loro agenzie pubblicitarie passano così tanto tempo e denaro, nella costruzione di un brand? Un brand riconosciuto e preferito aiuta a vendere il prodotto. Rende tutti i pezzi che si sviluppano del marketing  – pubblicità, direct mail, e-mail, pagine Web e altre promozioni – più funzionanti.

Pensaci. Se hai ricevuto due lettere pubblicitarie nella posta, una da Apple e l’altra da una marca sconosciuta, dove ti viene offerto un nuovo computer portatile da 2.500 euro scontato di 1.000 euro, se lo prenoti ancora prima della sua “uscita” ufficiale. E’ più probabile che sia Apple ad ottenere la vendita.

E il branding non è solo per le grandi aziende, è anche per le persone, tanto da essere chiamato Personal Branding. Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi hanno fondato la Prima società italiana che si occupa di Personal branding e Corporate Branding a livello Professionale. Hanno portato la loro esperienza internazionale arricchendo la nostra conoscenza. Come Coach e Personal Branding Strategist dichirano che ognuno di noi possiede un brand: quello che gli altri percepiscono di noi è il nostro Brand. I loro clienti dichiarano che costruire il proprio Brand, attraverso un percorso esperienziale come il Myndit 100% ad esempio, permette di definire il Brand Persona (Personal Branding) al fine di essere scelti come “il meglio” nel proprio settore, proprio come avviene per i Corporate Brand. Alcune aziende e persino i professionisti indipendenti possono – e dovrebbero – costruire i propri Brand. Anche un imprenditore forte nel suo mestiere potrebbe essere così ben noto per il suo lavoro e per i suoi prezzi onesti da diventare un Brand locale forte. I vicini conoscono il suo nome (riconosciuto), si sentono bene con il lavoro che fa e quello che chiede (associato), e selezionano i suoi servizi rispetto a tutti gli altri (preferito).

Dove il Copywriter entra in scena

E’ vero che il Brand è in primo luogo il dominio di strateghi del marketing. Comunque, come lo scrittore (Copywriter), può svolgere un ruolo significativo, sia che si tratti della propria attività che della propria persona.

Il Copywriter spesso partecipa alle attività di brand building, come ad esempio lo sviluppo di dichiarazioni di posizionamento, nella fase di estrazione del Personal branding e per gli slogan di brainstorming. (Una Tagline può, infatti, creare o distruggere un brand.) E ci sono molti seminari che insegnano a scrivere che sono specifici per il branding. Inoltre, è necessario comprendere la personalità del Brand, come si “scrivono” altri progetti che promuovono il prodotto o servizio. Si ha bisogno di sapere quando inserire i messaggi del brand nella stesura finale di uno scritto e quando lasciarli fuori.

Il Brand Persona ed il Corporate Brand è tutto questo e molto altro ancora. Se pensi di voler essere riconosciuto come “il meglio” nel tuo settore o semplicemente essere scelto per le tue “migliori” qualità ora sai che tutto ha inizio dal tuo brand. Riccardo P. e Silvia P

Leggi maggiori informazioni sul Myndit 100%™  Contattaci



Related posts:

Tags: ,

No comments yet.

Leave a Reply